Chirurgo-Plastico-Estetico è un blog di approfondimento sulla medicina e la chirurgia estetica che raccoglie FAQ (frequently asked questions) sul mondo della chirurgia plastica, con le relative risposte. Se stai pensando di sottoporti ad un trattamento di medicina estetica o ad un intervento di chirurgia plastica ma hai dei dubbi o delle domande, consulta le varie sottosezioni del blog in cerca di una risposta utile oppure utilizza la funzione ricerca ed inserisci le parole chiave. Se la tua domanda non ha ancora una risposta puoi inviarla direttamente al blog cliccando qui. In breve uno specialista ti invierà una risposta tecnica personalizzata e precisa, espressa in termini non sofisticati e comprensibili a tutti. Le domande e le risposte più interessanti verranno pubblicate nel blog in forma anonima.

Buona consultazione!

Ho subito un morso di cane al seno e mi ha staccato il capezzolo. Al pronto soccorso mi hanno fatto un’iniezione di anestesia locale ma nello stato confusionale non ho avvisato il chirurgo che avevo una protesi. Adesso ho il terrore che l’ago possa aver danneggiato l’impianto. La forma del seno mi sembra diversa da prima, suggestione? Potreste darmi indicazioni?

Bucare una protesi con una puntura a livello del capezzolo è teoricamente possibile se non si presta molta attenzione. Tuttavia non è così facile che ciò accada perché di solito a livello dell’areola, anche nei seni più piccoli, è presente un po’ di tessuto ghiandolare che “protegge” l’impianto. Inoltre le iniezioni di anestesia locale si praticano generalmente con ago tangente alla pelle (e non perpendicolare) e in un piano piuttosto superficiale. Ad ogni modo, anche ammesso che il guaio sia stato fatto, non è detto che si manifesti subito un problema. Il singolo foro di un ago non provoca generalmente grandi spandimenti di silicone come una lacerazione dell’involucro post trauma. E’ più probabile che si verifichi una lenta perdita di silicone nello spazio peri protesico tra il guscio della protesi e la capsula connettivale (un foglietto di tessuto che l’organismo normalmente forma attorno all’impianto). Un problema come l’alterazione della forma o l’indurimento del seno può quindi manifestarsi a distanza di mesi o anni. Allora come procedere? Per prima cosa è indispensabile sottoporsi immediatamente a visita specialistica per una prima valutazione della situazione. Il medico potrà richiedere un primo accertamento strumentale, di solito un’ecografia mammaria. Nei casi dubbi è opportuno eseguire una risonanza magnetica, metodica più precisa nel valutare il guscio protesico ed eventuali spandimento di silicone. Una volta fatta diagnosi (rottura o meno) è possibile programmare l’eventuale intervento di sostituzione.

Share