Chirurgo-Plastico-Estetico è un blog di approfondimento sulla medicina e la chirurgia estetica che raccoglie FAQ (frequently asked questions) sul mondo della chirurgia plastica, con le relative risposte. Se stai pensando di sottoporti ad un trattamento di medicina estetica o ad un intervento di chirurgia plastica ma hai dei dubbi o delle domande, consulta le varie sottosezioni del blog in cerca di una risposta utile oppure utilizza la funzione ricerca ed inserisci le parole chiave. Se la tua domanda non ha ancora una risposta puoi inviarla direttamente al blog cliccando qui. In breve uno specialista ti invierà una risposta tecnica personalizzata e precisa, espressa in termini non sofisticati e comprensibili a tutti. Le domande e le risposte più interessanti verranno pubblicate nel blog in forma anonima.

Buona consultazione!

Ho eseguito una mastoplastica additiva nel 2003. Dopo 9 anni inizio a sentire alla palpazione le protesi come se fossero ricoperte di tessuto ondulato su tutta la loro superficie e talvolta è visibile. Sono da sostituire le protesi?

Il fenomeno che viene descritto in termini tecnici si definisce rippling e consiste nella comparsa di alcune pieghette sulla pelle dovute ad una ripiegatura interna della protesi. Queste pieghe nei casi più lievi sono solo palpabili ma in quelli più gravi possono essere anche viste. Il difetto è piuttosto frequente nelle donne magre nella parte più laterale dell’impianto e può manifestrasi anche abbastanza precocemente (dopo 6-8 mesi dall’intervento) soprattutto se si perde ulteriormente peso o si hanno delle gravidanze che lasciano una mammella ancor più asciutta e poco tonica. Qual’ora il fenomeno si manifesti a distanza di anni è probabile che vi sia anche una componente più o meno marcata di contrattura capsulare ovvero un restringimento del normale rivestimento che crea l’oragnaismo attorno all’impianto (la capsula appunto). Quando la capsula si inspessisce la protesi viene compressa e deformata e alcune pieghe possono essere visibili esternamente. Per rispondere quindi alla domanda, essendo trascorsi ormai quasi dieci anni dall’intervento è consigliabile sostituire le protesi ma, come spiegato, non è detto che il problema non si ripresenti precocemente. In quest’ultima sfortunata ipotesi è comunque possibile attenuarne la visibilità con un lipofilling, tecnica di riempimento con il proprio grasso.

rippling protesico

Share