Chirurgo-Plastico-Estetico è un blog di approfondimento sulla medicina e la chirurgia estetica che raccoglie FAQ (frequently asked questions) sul mondo della chirurgia plastica, con le relative risposte. Se stai pensando di sottoporti ad un trattamento di medicina estetica o ad un intervento di chirurgia plastica ma hai dei dubbi o delle domande, consulta le varie sottosezioni del blog in cerca di una risposta utile oppure utilizza la funzione ricerca ed inserisci le parole chiave. Se la tua domanda non ha ancora una risposta puoi inviarla direttamente al blog cliccando qui. In breve uno specialista ti invierà una risposta tecnica personalizzata e precisa, espressa in termini non sofisticati e comprensibili a tutti. Le domande e le risposte più interessanti verranno pubblicate nel blog in forma anonima.

Buona consultazione!

Dopo 5 anni dall’intervento di mastopessi additiva si è formata un’abbondante falda anecogena periprotesica nel seno destro. Si può curare con antibiotici o aspirazione fluido oppure è necessario provvedere alla rimozione delle protesi?

La risposta alla domanda è piuttosto articolata e dipende da una serie di fattori. La condizione che descrive si chiama “sieroma” peri protesico e consiste nell’accumulo di siero (acqua) attorno alla protesi. E’ una complicanza poco frequente che in assenza di altre problematiche come febbre, dolore, rossore o grande rigonfiamento della mammella non deve preoccupare. Se l’accumulo di liquido è esiguo (quindi la falda è sottile) si può tranquillamente attendere l’eventuale riassorbimento spontaneo che può richiedere anche alcune settimane e una terapia anti infiammatoria di supporto. Per sieromi voluminosi, nel caso in cui siano state utilizzate protesi macro testurizzate, è necessario procedere alla aspirazione eco guidata di un campione di siero e successivo esame citologico per escludere la presenza di un LIFOMA ANAPLASTICO A GRANDI CELLULE, tumore riscontrabile in alcuni rari casi associato ad una mastoplastica additiva, ben curabile ma che richiede una terapia chirurgia e medica specifica. Nel caso in cui l’esame citologico sia negativo (assenza di patologia) si può anche in questo caso attendere e osservare la situazione, sempre se siamo in assenza di altre problematiche. Per sieromi voluminosi, fastidiosi o che comportano una alterazione della forma della mammella conviene procedere ad una revisione chirurgica che consiste nella sostituzione della protesi e rimozione della capsula (o doppia capsula) peri protesica. Quasi mai la sola aspirazione risolve il problema.

Si capisce bene come la situazione richiede una valutazione e un monitoraggio specialistico per la migliore gestione.

Share